Facebook: colloquio di lavoro nel bosco con Zuckerberg


Il New York Times ha rivelato che Zuckerberg effettua i colloqui in maniera particolare, non dietro una scrivania, ma con una passeggiata nei boschi di Palo Alto. Tutto si può dire di Mark Zuckerberg, il fondatore e CEO di Facebook, tranne che non sia molto originale nelle sue scelte e che non diriga la sua azienda in maniera anticonformista. Il New York Times ha rivelato in un articolo il modo particolare con cui il massimo dirigente del social network conduce i colloqui per la sua azienda.

L'azienda non ha commentato l'articolo del giornale, però a detta dei giornalisti, questa storia è stata ripetuta da diversi candidati, che ovviamente hanno voluto rimanere anonimi.

Una di queste persone ha affermato che una mattina ha aperto la posta elettronica come tutti i giorni ed ha trovato un messaggio, direttamente da Mark Zuckerberg, in cui veniva invitato a Palo Alto per un colloquio di lavoro con lui.

Una procedura molto diversa da quella di Google, in cui c'è una precisa procedura ed una serie di passaggi prima che un candidato venga sottoposto all'attenzione di Larry Page.

Il potenziale nuovo dipendente di Facebook una volta arrivato a Palo Alto ha dichiarato che dopo aver incontrato il CEO nel suo ufficio, sono subito usciti dalla sede e sono andati a fare una passeggiata nel boschi intorno al campus di Palo Alto. A suo dire pareva più un appuntamento romantico che un colloquio di lavoro. Durante la passeggiata, Zuckerberg avrebbe inoltre detto che i soldi non sarebbero stati un problema se lui fosse stato interessato al lavoro, e che, in caso positivo, sarebbe bastato firmare un po' di carte appena tornati in ufficio. Non c'è che dire. Il ragazzo (Zuckerberg a soli 27 anni è uno degli uomini più ricchi del mondo) ha stile. Ed anche una montagna di soldi per pagarselo.

Un'altro candidato ha affermato di essere stato portato sulle colline intorno a Palo Alto, che sovrastano tutta la Silicon Valley, e da qui il CEO di Facebook, gli avrebbe mostrato in lontanza le sedi di Apple, HP ed altri colossi tecnologici affermando che un giorno i quartier generali del social network sarebbero diventati i più grandi di tutti (attualmente contano 2 mila dipendenti). Su questo ho qualche dubbio personalmente, come ho già abbondantemente espresso nel post sulla Bolla di Facebook e sul fatto che molti dipendenti top stiano abbandonando l'azienda.

Ovviamente nell'articolo viene detto che la passeggiata nei boschi non è la procedura per ogni assunzione, ma sono per le figure top, che saranno direttamente in contatto con il fondatore.


Post correlati: